IL GRILLO 2014 DI GIASIRA, UNA SCOMMESSA E UNA PROMESSA

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×

[cml_media_alt id='236']I BANCHI - GIUGNO 2015[/cml_media_alt]

 

Nel 2005, Giovanni Boroli decide di dedicare sette ettari sui novanta complessivi della sua tenuta in contrada Ritillini (tra Modica e Noto) alla coltivazione della vite e, una volta confermate le aspettative di una vocazione quasi dimenticata di questo territorio, quattro anni dopo inizia la produzione di vini ottenuti sia da vitigni autoctoni che internazionali.

Appena versato nel calice, il Grillo 2014 di Giasira rivela un colore giallo tendente al dorato con sottilissime sfumature della scorza del limone verdello.

Al naso è fresco, intenso, minerale e regala aromi di buccia di pera acerba, polpa di limone, fiori di sambuco e il rosmarino a fare da sfondo, discreto ma sempre presente.

In bocca è pieno e asciutto, con qualche spigolo che gli dà ritmo e freschezza, un’acidità bilanciata dalle esplosive sensazioni di frutta bianca e agrumicaratteristiche dei vini da Grillo.

Intenso ed ottimamente persistente, si dà come un perfetto esempio della tipologia.

Da abbinare a crostacei o formaggi molli, allo spaghettino con astice blu, scampi mediterranei e melanzana dal nostro menu oppure ad un ombrellone sulla spiaggia subito prima del tramonto.