Un pesce “povero” per un piatto ricco che non ti aspetti nella cucina de I Banchi.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×

ibanchi_campagna_blog_160930_blog-05Diciamo insieme “lunga vita al pesciolino in scatola più versatile al mondo”.

Parliamone. Quando ti trovi davanti ad un piatto di alici la tua vista e il tuo palato vanno subito in visibilio.

I tuoi occhi vengono subito catturati da un dorso percorso da una striscia azzurra con sfumature ai lati verdi e argento.

Ma passiamo direttamente alla parte dell’assaggio di questo pesciolini appetitosi:

Le alici appaiono sapide, sode e gradevolmente carnose. Sono ricche di omega 3 che agisce positivamente sul colesterolo. Nel senso che fa aumentare quello buono e mantiene basso quello cattivo Tra le proprietà c’è anche quella antiossidante: il pesce azzurro è in grado di rallentare l’invecchiamento.

Le alici poi, hanno anche una bella storia che ti vogliamo raccontare.

Il loro utilizzo risale ai tempi dei romani. I Romani le utilizzavano per produrre il “garum”, un condimento molto apprezzato. Una sorta di salsa preparata con le alici salate e con l’aggiunta degli scarti di lavorazione del tonno e di altri piccoli pesci, crostacei e molluschi. Il tutto veniva lasciato a fermentare al sole per 2-3 mesi. Il liquido che veniva raccolto, veniva poi utilizzato per condire o come ingrediente in cucina.

Le conserve di alici sono sempre state protagoniste della nostra cucina. Le usiamo per preparare la pasta ma molto spesso anche per la preparazione di salse e condimenti.
Con la loro carne pastosa e grassa, ben si sposano all’olio e al burro. Le avete mai provate così?

Date una lettura al nostro menù e troverete un piatto con le alici davvero gustoso. Andati qui

I nostri chef Ciccio Sultano e Peppe Cannistrà anche oggi vogliono suggerirti due ricette per sublimare questi pesciolini deliziosi nella tua cucina:

1° RICETTA – Tempura di fiori di zucca ripieni di mozzarella di bufala e alici

Elimina l’interno ai fiori, lascia il gambo . Aprili delicatamente e dopo aver pulito le alici ricavandone dei filetti, preparare una marinade con olio, aglio e peperoncino.
Fai marinare le alici. Separa la mozzarella di bufala dal latte, tritala con un coltello.Preparare la tempura con la farina, mentre riempi i fiori con alici e mozzarella.
Passa i fiori nella pastella tenendoli chiusi nella parte superiore, immergili nell’olio bollente. Servili caldissimi dopo averli leggermente asciugati dall’olio.

2° RICETTA – Linguine in guazzetto di alici fresche

Pulisci le alici e lasciatele per un giorno in un barattolo sotto sale doppio, a strati.
Sciaquale dal sale. Fai una salamoia con olio evo, spicchi di aglio pelato e peperoncino. Lascia le alici in infusione in questa salamoia dentro un barattolo di vetro.
Utilizza un pò di questo olio per creare un fondo di cottura con le alici salate. Aggiungi un mestolo di acqua di cottura della pasta.
Salta sempre con lo stesso olio, i datterini tagliati a cubettini, mentre scoli la pasta al dente e la metti nel tegame insieme ai datterini.
Unisci il guazzetto di alici. Servi il tutto con bottarga in polvere e prezzemolo fresco.”

Insomma,le alici sono un piatto molto versatile e per gustarle non avete che l’imbarazzo della scelta!